cai-sanseverino

Vai ai contenuti

Menu principale:




Prossima escursione 2016:









COMUNICAZIONI
Si ricorda che nelle escursioni organizzate dalla Sezione è necessario un’abbigliamento adeguato e in particolar modo calzature idonee ai percorsi programmati.
E’ indispensabile inoltre rispettare le regole del corretto comportamento in montagna e seguire tassativemente le indicazioni del capogita.
Come è ormai in uso, gli appuntamenti verranno ricordati tramite messaggio WhatsApp;  è possibile comunque consultare il sito vvww.caisanseverinomarche.it e la bacheca in Piazza del Popolo o contattare telefonicamente i vari responsabili.









La salita della caratteristica vetta de Il Pizzo, da Vetice, e’ sicuramente un’escursione di grande soddisfazione, anche se piuttosto impegnativa. Il sentiero che passa nella bellissima lecceta della Samara richiede attenzione in piu’ punti dal momento che, soprattutto nei tratti che traversano i valloncelli o sotto le pareti, si rivela stretto, scivoloso ed un po’ esposto. La salita al Pizzo, se fatta seguendo la traccia, e’ molto, molto dura ! Si puo’ ovviare al “dritto per dritto” uscendo piu’ avanti sulla cresta verso la Priora e, anche se si allunga un po’, dovrebbe essere meno faticoso. La discesa nel versante della Madonna dell’Ambro passa in alcuni punti dove grandi valanghe hanno sconvolto il bosco, ed e’ necessario trovare il sentiero tra gli alberi caduti. Si parte da Vetice, dal punto dove la strada sterrata presenta due divieti di transito, esclusi gli autorizzati. Ho visto tracce, anche recenti, che partono da oltre la Fonte Vecchia, ma se i divieti ci sono…. Ben presto si entra nel bosco e al suo interno si incontrano alcuni dei passaggi sopra descritti, dove occorre piede fermo. Si oltrepassa una casetta dove il sentiero sparisce brevemente per la vegetazione alta, e si continua passando per tratti rocciosi (cengia ghiaiosa), giungendo ad uno splendido punto panoramico sul Pizzo. Poco oltre, si incontra un grosso sperone di roccia con due canali. Si prende quello di sx, piu’ largo, che ripidamente conduce al suo termine presso una piccola sella con sporgenza rocciosa. L’ambiente si fa piu’ aperto fino ad una grande sella con radura dove si dirama, invisibile nell’erba, il sentierino che conduce in cresta presso il Casale delle Murette. Si procede, invece, dritti verso la cresta cercando di zigzagare nei tratti piu’ ripidi. E sono veramente ripidi, in poco piu’ di 500 mt (e 275 di dislivello) la pendenza media e’ quasi al 48%. Finalmente si esce in cresta, con panorami stupendi sia verso il mare che verso molte delle cime dei Sibillini. Piu’ in basso e’ la sporgenza con la grande croce, visibile dalla Madonna dell’Ambro. Per il ritorno, si ripercorre brevemente la cresta lasciandola per un evidente sentierino a dx (N), che si abbassa nel bosco del versante dell’Ambro. Occorre superare con qualche difficolta’ un tratto di alberi sradicati dalle copiose valanghe che sono cadute durante quest’inverno e si giunge al bivio con la sterrata-sentiero 225 (il ns. sentiero era il 224). Si segue piacevolmente verso dx passando per una fonte, fino a giungere alla Fonte Vecchia (gia incontrata all’andata) e, seguendo la sterrata, si ritorna al punto di partenza.





Programma escursioni 2016 in PDF.




Tesseramento 2016

Si comunica che dal mese di Dicembre è aperto il tesseramento per l'anno 2016. Il costo del bollino rimane invariato e sarà possibile rinnovare la propria iscrizione entro il 31 marzo.





 
Torna ai contenuti | Torna al menu